english italiano
 
Categorie

Cura della batteria

cura della batteria
 

Una batteria non in uso si auto scarica a causa delle perdite, di vario tipo, che si generano.

La velocità di questo processo è molto variabile e comunque legata al tipo di batteria e alla temperatura.

Le batterie a temperatura ambiente completamente disconnesse con umidità ambiente normale, si scaldano di circa l’1-1,2 % il girono. Aumentando la temperatura l’effetto di scarica aumenta: ad esempio, passando da 24 C° a 35 C° la corrente di auto scarica raddoppia. A freddo il fenomeno diminuisce fino quasi ad annullarsi vicino alle temperature di congelamento dell’elettrolito. In pratica una batteria deve essere ricaricata ogni 20/40 giorni per evitare che la sua capacità residua scenda sotto i 60/70%, e che la permanenza in questa condizione provochi un inizio di solfatazione.

Bisogna prendersi cura della batteria tenendo pulita la superficie e controllando regolarmente il livello dell’elettrolito.
Se necessario, aggiungere dell’acqua demineralizzata: mai acido!

Le batterie vanno conservate in locali asciutti e possibilmente non soggetti a forti sbalzi di temperatura. In queste condizioni le batterie, possono essere conservate senza problemi anche per circa otto mesi.

Se il veicolo rimane fermo per lunghi periodi, è sempre meglio togliere la batteria, caricarla e immagazzinarla in un luogo fresco. Comunque, se la batteria rimane fissata all’interno del veicolo, togliere il terminale negativo e controllare periodicamente lo stato di carica.

cura della batteria

cura della batteria